(+39) 06.86.95.6900 info@microcredito.gov.it

Le misure per il Microcredito del Cura Italia - Vademecum

Il Governo italiano ha emanato nel decreto Cura Italia una serie di provvedimenti atti ad
agevolare la piccola e media impresa. Di questi alcuni sono rivolti in particolare modo a quanti
utilizzano il microcredito. Per meglio illustrare ai beneficiari, ai tutor, agli agenti sul territorio
e agli intermediari finanziari le misure previste il centro studi dell’Ente Nazionale per il
Microcredito ha prodotto un vademecum utile a soddisfare le richieste più comuni di aziende e
professionisti.
Sperando possa agevolare il lavoro di tutti quelli che operano attraverso gli strumenti
microfinanziari, per il progresso economico e sociale del Paese, Vi invito a consultare questa
breve guida e a segnalarci ulteriori dubbi.
Superata l’emergenza sanitaria, sarà necessario ricostruire il tessuto economico e sociale del
Paese col nostro lavoro comune. Questo sarà possibile anche grazie alle misure previste dal
Governo per la piccola e microimpresa e i professionisti che, fondamento della nostra economia
e della nostra società, hanno reso grande il nostro Paese e continueranno a renderlo tale.

Mario Baccini

 

 

DECRETO “CURA ITALIA”

DISPOSIZIONI D’INTERESSE PER IL COMPARTO DEL MICROCREDITO

Vademecum



Al fine di sostenere le attività imprenditoriali danneggiate da COVID-19, il Governo ha emanato il decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, meglio conosciuto come “Decreto Cura Italia”, contenente una prima serie di misure di sostegno economico per le famiglie, i lavoratori e le imprese.

Il decreto è entrato immediatamente in vigore e deve essere convertirlo in legge dal Parlamento entro il termine di 60 giorni.

Si riportano qui di seguito le principali disposizioni del decreto che interessano il comparto del microcredito. Inoltre, con riferimento alla moratoria dei finanziamenti, si illustra per completezza di documentazione anche l’Accordo per il credito 2019 (e relativo Addendum), sottoscritto su questo tema tra l’ABI e le Associazioni imprenditoriali.

Pertanto, il presente vademecum è suddiviso nei seguenti capitoli:

 

  • Moratoria dei finanziamenti:

 

1a)    moratoria prevista dal decreto “Cura Italia”;

1b)    moratoria prevista dall’Accordo per il credito 2019 e dal relativo Addendum;

 

  • Disposizioni sul Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese applicabili anche al comparto del microcredito;
  • Disposizioni in materia di importo massimo delle operazioni di microcredito.

 

E’ opportuno che le imprese e i professionisti facciano ricorso alle suddette misure unicamente in presenza di gravi ed effettive necessità aziendali o professionali, stante la natura eccezionale delle misure stesse.


IMPORTO DEL MICROCREDITO 

Un’importante innovazione in materia di microcredito è quella introdotta dall’art. 49, comma 5 del decreto CuraItalia che eleva l’importo massimo delle operazioni di microcredito imprenditoriale da 25.000 a 40.000 euro.

Tale disposizione – lasciando invariata la possibilità, prevista dalla vigente normativa, di un ulteriore aumento dell’importo pari a 10.000 euro – consente ai soggetti beneficiari del microcredito di ottenere un finanziamento complessivo massimo di 50.000 euro.

Vogliamo precisare che l’innalzamento dell’importo massimo delle operazioni di microcreditoimprenditoriale da 25.000 a 40.000 euro, introdotto dall’art. 49 del Decreto Cura Italia e, adesso confluito nell’art. 13 del Decreto Liquidità, pur se efficace  trattandosi di normativa primaria  (ancorché in attesa di conversione del D L relativo), di fatto non sarà operativo fino alla  emanazione dei decreti attuativi in quanto ancora non assistito dalla garanzia del fondo P.M.I..

Ovvero fino all’adeguamento del decreto del Ministro dell’economia e delle finanze n. 176 del 14 ottobre 2014 da parte del ministero competente, il fondo P.M.I. non fornirà la garanzia necessaria  in assenza della quale difficilmente gli intermediari finanziari erogheranno i nuovi importi previsti.

auspichiamo che l’aggiornamento avvenga nel più breve tempo possibile, e stiamo sollecitando il ministero competente. Rimangono, pertanto, vigenti la precedente normativa e la modulistica di cui è già in possesso. 

 

  • MORATORIA DEI FINANZIAMENTI

 

 

1a.    Moratoria prevista dal decreto “Cura Italia”

 

  • Cosa prevede il decreto “Cura Italia” in tema di moratoria?

 

L’art. 56 del decreto “Cura Italia” prevede, tra l’altro, che per i mutui e gli altri finanziamenti a rimborso rateale, anche perfezionati tramite il rilascio di cambiali agrarie, le micro, piccole e medie imprese danneggiate dal COVID-19 possono avvalersi della sospensione del pagamento delle rate o dei canoni di leasing in scadenza prima della data del 30 settembre 2020.

 

  • Le operazioni di microcredito possono beneficiare della moratoria prevista dal decreto “Cura Italia”?

 

Sì. La moratoria prevista dal decreto “Cura Italia” riguarda le esposizioni debitorie nei confronti delle banche, degli intermediari finanziari di cui all’art. 106 del Testo Unico Bancario (TUB) e degli “altri soggetti abilitati alla concessione di credito in Italia”. Tra questi ultimi rientrano anche gli operatori di microcredito previsti dall’art. 111 del TUB; pertanto, tale moratoria può essere richiesta anche in relazione alle operazioni di microcredito.

 

  • Può essere sospeso il pagamento dell’intera rata o soltanto della quota capitale?

 

Con riferimento alla moratoria prevista dal decreto “Cura Italia”, la sospensione riguarda l’intera rata, ma è facoltà dell’impresa richiedere la sospensione della sola quota capitale. In tal caso, l’impresa continuerà a rimborsare la quota interessi come prevista nel piano di ammortamento.

 

  • La moratoria comporta oneri per le imprese che la richiedono?

 

No. Il piano di rimborso delle rate o dei canoni oggetto di sospensione è dilazionato, unitamente agli elementi accessori e senza alcuna formalità, secondo modalità che assicurino l’assenza di nuovi o maggiori oneri per le imprese e per i soggetti finanziatori.

 

  • La moratoria si attiva automaticamente per tutte le imprese danneggiate dal COVID-19?

 

No. Per avvalersi della moratoria, il decreto dispone che l’impresa deve presentare un’apposita comunicazione, corredata della dichiarazione con la quale l’impresa stessa autocertifica, ai sensi dell’art. 47 del DPR 445/2000, di aver subito in via temporanea carenze di liquidità, quale conseguenza diretta della diffusione dell’epidemia da COVID-19.

 

  • Quali altri requisiti devono avere le imprese per avvalersi della moratoria?

 

Per avvalersi della moratoria di cui al “Cura Italia”, le esposizioni debitorie delle imprese richiedenti, alla data di pubblicazione del decreto (e cioè al 17 marzo 2020), non devono essere classificate come “esposizioni creditizie deteriorate” ai sensi della disciplina applicabile agli intermediari creditizi.

 

1b)    moratoria prevista dall’Accordo per il credito 2019 e dal relativo Addendum

 

 

  • Cosa prevedono l’Accordo per il credito 2019 ed il relativo Addendum in tema di moratoria?

 

L’Accordo per il credito 2019 ed il relativo Addendum prevedono che, per i finanziamenti concessi dalle banche e dagli intermediari finanziari fino al 31 gennaio 2020:

  1.  può essere sospeso per un periodo massimo di 12 mesi il pagamento della sola quota capitale delle rate dei finanziamenti a medio lungo termine (mutui), anche perfezionati tramite il rilascio di cambiali agrarie, e delle operazioni di leasing, immobiliare o mobiliare. Nel caso del leasing, la sospensione riguarda la quota capitale implicita dei canoni di leasing;
  2. può essere richiesto l’allungamento della durata dei mutui, per un periodo massimo di estensione della scadenza fino al 100% della durata residua dell’ammortamento. Per il credito a breve termine e il credito agrario di conduzione il periodo massimo di allungamento delle scadenze è pari rispettivamente a 270 giorni e a 120 giorni.

 

  • Quali requisiti sono richiesti per avvalersi della sospensione o dell’allungamento?

 

Al momento di presentazione della domanda, le imprese non devono avere posizioni debitorie classificate dalla banca come esposizioni non-performing, ripartite nelle categorie delle sofferenze, inadempienze probabili, esposizioni scadute e/o sconfinanti deteriorate.

Le rate possono essere già scadute (non pagate o pagate solo parzialmente), ma da non più di 90 giorni alla data di presentazione della domanda.

 

  • Chi può chiedere la sospensione o l’allungamento dei finanziamenti?

 

Possono chiedere la sospensione o l’allungamento dei finanziamenti le micro, piccole e medie imprese operanti in Italia, così come definite dalla normativa comunitaria, appartenenti a tutti i settori di attività economica.

 

  • Come interviene la garanzia del Fondo PMI sulle operazioni di sospensione e di allungamento?

 

Il Fondo di garanzia, con circolare n. 5 dell’11 marzo 2020, ha chiarito che, su tutti i finanziamenti per i quali venga comunicata dai “soggetti richiedenti” la variazione in aumento della durata del finanziamento garantito, connessa alla sospensione del pagamento della quota capitale o all’allungamento della durata, viene adottata la conferma d’ufficio della garanzia, senza valutazione del merito di credito dei soggetti beneficiari finali. Tale procedura è estesa anche ai soggetti non firmatari dell’accordo.

 

  • Le misure di sospensione e di allungamento si applicano anche alle operazioni di microcredito?

 

Sì. Infatti, tra i soggetti che possono richiedere la garanzia del Fondo richiamati dalla predetta circolare n. 5/2020 (i c.d. “soggetti richiedenti”) rientrano, oltre alle banche e agli intermediari finanziari di cui all’art. 106 del TUB, anche gli operatori di microcredito di cui all’art. 111 dello stesso TUB. Come precisato dal Fondo, tali operatori, sebbene non siano firmatari dell’Accordo, possono beneficiare della procedura di maggior favore prevista per la sospensione o l’allungamento delle operazioni.

 

  • Quali sono i vantaggi della conferma d’ufficio della garanzia?

 

La possibilità di beneficiare della conferma d’ufficio della garanzia consente di evitare la procedura ordinaria di approvazione della garanzia stessa, che non prevede un’accettazione automatica ma un’apposita delibera del Comitato del Fondo, con la conseguenza che, prima di poter applicare la moratoria ai propri clienti, gli operatori di microcredito dovrebbero attendere la risposta di conferma del Fondo Centrale, pena l’annullamento della garanzia, in tempi certamente non in linea con l’urgenza delle problematiche legate all’epidemia.

 

 

  • DISPOSIZIONI SUL FONDO DI GARANZIA PER LE PMI APPLICABILI ANCHE AL COMPARTO DEL MICROCREDITO
  • In materia di Fondo centrale di garanzia per le PMI, quali disposizioni del decreto “Cura Italia” interessano anche i beneficiari di operazioni di microcredito?
  • Rinegoziazione del debito con concessione di credito aggiuntivo (art. 49, comma 1, lett. d). Per la durata di 9 mesi dalla data di entrata in vigore del decreto (e, cioè, dal 17 marzo al 17 dicembre 2020), sono ammissibili alla garanzia del Fondo i finanziamenti erogati a fronte di operazioni di rinegoziazione del debito del soggetto beneficiario, purché il nuovo finanziamento preveda l'erogazione al medesimo soggetto beneficiario di credito aggiuntivo in misura pari ad almeno il 10 percento dell'importo del debito residuo in essere del finanziamento oggetto di rinegoziazione.
  • Sostegno alla liquidità (art. 49, comma 1, lett. k). Sempre per la durata di 9 mesi dalla data di entrata in vigore del decreto, le persone fisiche esercenti attività di impresa, arti o professioni danneggiate dall’emergenza COVID-19 possono ottenere finanziamenti a 18 mesi meno un giorno, fino ad un massimo di 3.000 euro, concessi da banche o da altri intermediari (compresi gli operatori di microcredito). Tali finanziamenti sono garantiti dal Fondo PMI, gratuitamente e senza valutazione, nella misura dell’80% in garanzia diretta e del 90% in riassicurazione. A tal fine, i soggetti interessati devono presentare una dichiarazione autocertificata ai sensi dell’art. 47 del DPR 445/2000.

 

 

 

  • In materia di Fondo centrale di garanzia per le PMI, quali disposizioni del decreto interessano direttamente gli operatori di microcredito?

 

Il comma 4 dell’art. 49 del decreto prevede che gli operatori di microcredito di cui all’articolo 111 del Testo Unico Bancario (TUB), in possesso del requisito di micro, piccola e media impresa, possono beneficiare della garanzia del Fondo sui finanziamenti loro concessi da banche o intermediari finanziari. Condizione essenziale è che tali finanziamenti siano destinati, da parte dei predetti operatori, ad operazioni di microcredito.

La garanzia è concessa a titolo gratuito e nella misura massima dell’80 per cento dell’ammontare del finanziamento.

Relativamente ai nuovi operatori di microcredito costituiti o che hanno iniziato la propria attività non oltre tre anni prima della richiesta della garanzia del Fondo e non utilmente valutabili sulla base degli ultimi due bilanci approvati, la garanzia è concessa senza valutazione del merito di credito.

 

  • Quali sono i vantaggi dell’estensione della garanzia ai finanziamenti erogati a favore degli operatori di microcredito?

 

La norma, come più volte sollecitato dall’Ente Nazionale per il Microcredito, viene incontro all’esigenza dei cosiddetti “111” di disporre di sufficienti risorse da destinare all’attività di microcredito, tenuto conto della carenza di mezzi di provvista che finora ne ha condizionato l’operatività impedendo il consolidamento di un’offerta di microcredito competitiva e diffusa.

 

  • Quali altre disposizioni del decreto possono applicarsi al comparto del microcredito?

 

Il comma 6 dell’art. 49 del decreto è di potenziale interesse per il comparto microcreditizio, anche se non direttamente indirizzato ad esso. Tale norma, infatti, consente di elevare la percentuale massima di copertura della garanzia a valere sulle diverse Sezioni speciali del Fondo per le PMI fino al maggior limite eventualmente previsto dalla disciplina dell’Unione Europea (attualmente pari all’80 per cento). La norma riguarda le nuove operazioni.

Con successivo decreto di natura non regolamentare del Ministro dell’economia e delle finanze possono essere individuate ulteriori tipologie di operazioni, anche per singole forme tecniche o per specifici settori di attività, per le quali le percentuali di copertura del Fondo possono essere elevate fino al massimo consentito dalla disciplina dell’Unione Europea, tenendo conto delle risorse disponibili e dei potenziali impatti sull’economia.

Con specifico riguardo al comparto del microcredito, l’applicazione di tale norma può risultare interessante per le microimprese beneficiarie di finanziamenti ammessi alla garanzia della “Sezione speciale Microcredito” del Fondo, la cui attività sia stata particolarmente danneggiata dal COVID-19.



 

  • DISPOSIZIONI IN MATERIA DI IMPORTO MASSIMO DELLE OPERAZIONI DI MICROCREDITO
  • Cosa prevede il decreto “Cura Italia” in materia di importo massimo delle operazioni di microcredito?

 

Un’importante innovazione in materia di microcredito è quella introdotta dall’art. 49, comma 5 del decreto, che eleva l’importo massimo delle operazioni di microcredito imprenditoriale da 25.000 a 40.000 euro.

Tale disposizione – lasciando invariata la possibilità, prevista dalla vigente normativa, di un ulteriore aumento dell’importo pari a 10.000 euro – consente ai soggetti beneficiari del microcredito di ottenere un finanziamento complessivo massimo di 50.000 euro.

Si ricorda che, al fine di poter richiedere il finanziamento aggiuntivo di 10.000 euro, il contratto di finanziamento deve prevedere l’erogazione frazionata, subordinando i versamenti successivi al verificarsi delle seguenti condizioni:

 

  • il pagamento puntuale di almeno le ultime sei rate pregresse;
  • lo sviluppo del progetto finanziato, attestato dal raggiungimento di risultati intermedi stabiliti dal contratto e verificati dall’operatore di microcredito.

 

L’aumento dell’importo massimo – anche questo ripetutamente sollecitato dall’Ente – assume una grande importanza, essendo in grado di determinare un forte impulso all’attività di microcredito ed agli investimenti delle microimprese che necessitano di un fabbisogno finanziario superiore a quello attualmente consentito.

Per quanto riguarda l’attuazione della norma, occorre tener conto che l’importo massimo del microcredito è disciplinato, oltre che dall’art. 111, comma 1 del TUB (come modificato dalla presente norma), anche dal decreto del Ministro dell’economia e delle finanze n. 176 del 14 ottobre 2014, che pertanto dovrà essere opportunamente adeguato.

Allo stesso modo, come precisato dal Fondo di garanzia con circolare n. 8 del 19 marzo 2020, anche la garanzia del Fondo stesso si applicherà al maggiore importo delle operazioni di microcredito solo dopo che il MEF avrà provveduto ai predetti adeguamenti della normativa.

Covid-19 - Tutte le misure sul Microcredito

Apprezziamo che il Governo abbia esteso la moratoria per i crediti all'area del microcredito con la circolare 5/2020 e che abbia accolto la proposta di estendere le stesse condizioni alle 111.

Siamo coscienti del momento di emergenza che stanno vivendo le aziende e delle necessità che si dovranno affrontare dopo la crisi per sostenere la ripresa economica del Paese.

Per questo, come Ente pubblico di competenza sul Microcredito in Italia, abbiamo segnalato al Governo alcune opportunità per contrastare l'emergenza e favorire la ripresa economica per la piccola media impresa evidenziando anche la possibilità di innalzare la soglia del microcredito che decreto CuraItalia ha stabilito nella misura di 40 mila euro e non più 25.

Questa la dichiarazione del Presidente ENM, Mario Baccini in merito alle misure per l'economia introdotte dal decreto sul Covid-19.
 

Scarica la Gazzetta Ufficiale in formato pdf

Emergenza COVID-19 – Iniziative dell’Ente Nazionale per il Microcredito

 L’Ente Nazionale per il Microcredito sta seguendo con attenzione l’evolversi della crisi “COVID-19”, facendosi promotore di misure che, anche a livello legislativo, consentano di fare fronte alle esigenze manifestate dalle micro e piccole imprese. Va innanzitutto sottolineato come il decreto-legge “Cura Italia”, pubblicato il 17 marzo scorso, abbia introdotto una vasta serie di misure finanziarie e fiscali a favore delle imprese, di cui forniamo un riepilogo generale nell’allegato 1. Nell’ambito di tali misure trovano spazio specifiche disposizioni che accolgono istanze da tempo portate avanti da questo Ente, volte a favorire lo sviluppo del microcredito, a vantaggio degli investimenti e della nuova occupazione. Tali disposizioni, descritte dettagliatamente nell’allegato 2, riguardano in particolare:

      la possibilità per gli operatori di microcredito di beneficiare della garanza del Fondo PMI sui finanziamenti loro accordati da banche o intermediari finanziari, a condizione che detti finanziamenti siano a loro volta destinati alla concessione di operazioni di microcredito per la microimprenditorialità;
      l’aumento da 25.000 a 40.000 euro dell’importo massimo delle operazioni di microcredito imprenditoriale, ferma restando la possibilità di un ulteriore aumento fino al limite di 50.000 euro;
      la possibilità di elevare la percentuale massima di copertura della garanzia a valere sulle diverse “Sezioni speciali” del Fondo PMI (tra cui la “Sezione speciale Microcredito”) fino al maggior limite eventualmente previsto dalla disciplina dell’Unione Europea.

L’innalzamento della soglia del microcredito rappresenta senz’altro un’innovazione suscettibile di favorire in modo significativo la ripresa economica per le attività micro - imprenditoriali e di lavoro autonomo. Si tenga conto che la “Sezione speciale Microcredito” del Fondo di garanzia per le PMI ha accolto, nell’ultimo triennio di operatività, oltre 10 mila operazioni di microcredito, per imprese operanti prevalentemente nei settori del commercio e della ristorazione. Al riguardo, si stima che l’innalzamento della soglia del microcredito a 50 mila euro con il credito frazionato, unitamente alla possibilità di ottenere un microcredito agricolo avvalendosi della garanzia del fondo ISMEA, avrà un impatto di crescita dei volumi del microcredito nell’ordine del 35%.

Si prevede, altresì, che nel prossimo triennio il microcredito consentirà la creazione di circa 15 mila nuove attività micro-imprenditoriali e di lavoro autonomo, con 700 milioni di euro di finanziamenti concessi e con un impatto in termini occupazionali stimabile in oltre 35 mila posti di lavoro creati.

Infine, assumono un particolare interesse per la minore imprenditoria e per gli stessi operatori di microcredito anche le disposizioni che, in materia di moratoria (sospensione delle rate o allungamento della durata del finanziamento) consentono a tali operatori di accedere alla garanzia del Fondo PMI beneficiando della conferma d’ufficio della garanzia e senza valutazione del merito di credito dei soggetti beneficiari finali. Nel prendere atto con soddisfazione dei risultati finora raggiunti, assicuriamo il costante impegno dell’Ente per fare fronte alle urgenti necessità delle microimprese e dei lavoratori autonomi.

Mario Baccini

 

Si allega

 

 

Sabato 29 Febbraio "Il Microcredito come strumento di inclusione e sviluppo a sostegno del territorio: come favorire la microimprenditorialità nel settore rurale

IL MICROCREDITO COME STRUMENTO DI INCLUSIONE E SVILUPPO A SOSTEGNO DEL TERRITORIO: COME FAVORIRE LA MICROIMPRENDITORIALITÀ NEL SETTORE RURALE.

Sabato 29 Febbraio 2020 Sala conferenze Ore 10.30 - 13.00 Villa Comunale Frosinone

SALUTI

MATTEO LASAGNA, VICEPRESIDENTE NAZIONALE CONFAGRICOLTURA

INTERVENGONO

VINCENZO DEL GRECO SPEZZA, PRESIDENTE CONFAGRICOLTURA FROSINONE

MARIO BACCINI, PRESIDENTE ENTE NAZIONALE PER IL MICROCREDITO

FRANCO SIMEONE, DIRETTORE CONFAGRICOLTURA FROSINONE

ANDREA PATTOFATTO, UFFICIO TUTOR ENTE NAZIONALE PER IL MICROCREDITO

MODERA

ALESSANDRA MORI, GIORNALISTA

NEL CORSO DEL CONVEGNO SARÀ SOTTOSCRITTO IL PROTOCOLLO D'INTESA TRA LA CONFAGRICOLTURA FROSINONE E L'ENTE NAZIONALE PER IL MICROCREDITO

ConfagricolturaFr

Subcategories

L'Ente Nazionale per il Microcredito accoglie in questa sezione materiale selezionato proveniente dal mondo universitario - donde il nome 'academia', termine inglese mutuato dal latino - frutto della ricerca di punta sulla microfinanza. Si tratta principalmente di working paper su temi di attualità quali: la microfinanza 'verde', la microfinanza e le rimesse dei migranti, questioni etiche come la trasparenza e così via. Una selezione di scritti meno recenti ma classici completa la raccolta.

Se interessati a far divulgare qui uno scritto di rilevanza accademica (privo di copyright o con debita autorizzazione), si prega di contattare:

Ente Nazionale per il Microcredito
Presidenza - Sede legale - Via Vittoria Colonna, 1 - 00193 Roma Tel: (+39) 06 45541300

segreteria@microcreditoitalia.org

Recensioni