(+39) 06.86.95.6900 info@microcredito.gov.it

News

La Sicilia
31/03/2016
La Sicilia edizione CATANIA del 31/03/2016 pagina 15
Pagina 15

Il microcredito cresce anche in Sicilia: erogati più di mille prestiti

La Sicilia di MICHELE GUCCIONE

Erogare piccoli prestiti senza garanzie, semplicemente scommettendo sulla fiducia e sul sostegno di idee vincenti di giovani, donne e piccoli artigiani come via per sviluppare le economie più deboli. È il concetto del microcredito, strumento creditizio teorizzato e applicato con successo dall’economista bengalese Muhammed Yunus, che ora è attecchito anche in Sicilia. Dopo le prime esperienze isolate, come il progetto “Policoro” dell’Arcidiocesi di Palermo con la Banca Don Rizzo di Alcamo, le iniziative di Banca Etica e alcuni fondi gestiti da consorzi di garanzia fidi, il microcredito si è poi allargato al sostegno alle famiglie in difficoltà persino per pagare le bollette o rate di mutui, il tutto attraverso le Caritas diocesane e il successivo fondo istituito dalla Chiesa. Dal 2011 è operativo l’Ente nazionale per il Microcredito, presieduto da Mario Baccini, che, attraverso convenzioni con soggetti accreditati del terzo settore che curano la formazione e il tutoraggio e banche che erogano i prestiti, sostiene anche in Sicilia operazioni di microcredito o per lanciare nuove attività imprenditoriali e iniziative di autoimpiego, oppure per aiutare famiglie in difficoltà. L’ente si avvale del supporto delle Regioni. In Sicilia la Regione ha costituito un Fondo etico da 12 milioni a garanzia di microprestiti erogati da UniCredit e 28 Bcc. Il Fei, tramite il fondo Jeremie e la Regione, ha costituito un fondo da 53 milioni gestito da UniCredit e Bnl. Infine l’esperienza “autodidatta” del gruppo M5s all’Ars che con le trattenute dagli stipendi dei deputati ha finora finanziato 23 imprese con 555 mila euro. Il giornalista Giambattista Pepi, coordinatore editoriale dell’inserto “Finanza&Sviluppo”, ha realizzato una guida completa per l’accesso al microcredito, completa di dati sui risultati delle misure e di indicazioni sui requisiti richiesti e sui soggetti ai quali gli interessati possono rivolgersi. La guida “Il microcredito in Sicilia - Un modello per il credito sostenibile”, sarà presentata il prossimo 7 aprile alle ore 16 nell’aula magna del dipartimento di Economia e impresa dell’Università di Catania. I numeri sono tutti positivi. In Sicilia nel 2013 sono stati erogati 346 microcrediti per 3,18 milioni. A fine 2014 risultavano erogati 614 prestiti per 3,15 milioni. Nel 2015 UniCredit ha finanziato 123 microimprese, 55 quelle sostenute da Bnl. in tre casi su quattro la finalità è stata creare occupazione, il resto per esigenze socio-assistenziali familiari. Ogni cento utilizzatori si sono creati altri 143 posti di lavoro. Il fondo di garanzia copre l’80% del prestito. Il limite di accesso per le famiglie è un Isee di 18mila euro. Per imprese e famiglie l’importo è 7mila euro, si possono ottenere più finanziamenti successivi fino a 25mila euro totali. Il microcredito soddisfa la metà delle richieste.

 

Articolo.

Mercoledi 30 marzo presso la sede dell’Ente Nazionale per il Microcredito si è tenuto il Positive Lab "MICROCREDITO E BENI CONFISCATI: IL SUPPORTO POSSIBILE"

Il Positive Lab ha come obiettivo valutare il ruolo del Microcredito nel favorire il recupero e lo sviluppo dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata, argomento di grande attualità e delicatezza.

 

Programma

Roma, 15 mar. (LaPresse) - "E' necessario percorrere una via che possa sostenere l'economia sociale e di mercato anche attraverso la compensazione di beni e servizi laddove possono essere qualificanti per sostenere attivtà avviate attraverso operazioni di microfinanza", così il presidente dell'Ente Nazionale per il microcredito ha illustrato il progetto allo studio dell'istituzione pubblica per il microcredito con la partecipazione dei professionisti legali dell'osservatorio ADR (Alternative Dispute Resolution) che stamane si sono riuniti presso la sala della libreria della Camera dei Deputati per il convegno "Giustizia alternativa per la razionalizzazione ed emancipazione". Il presidente Baccini si è soffermato sul tema sottolineando che "l'innovazione sociale è diversa dall'innovazione tradizionale perchè quest'ultima punta solo al profitto, mentre per la prima il denaro è solo il mezzo per sostenere la realizzazione della persona, ossia il principio che regole l'attività di finanza etica e microfinanza". ddn 151649 Mar 2016

Siglata intesa tra ENM e BCC di Roma. Grazie a questo accordo con l’Ente, che si occupa per BCC dei servizi ausiliari, l’istituto di credito ha attivato le proprie filiali del Lazio ed anche nella provincia dell’Aquila per dare una risposta efficace alle tante richieste di microcredito. A disposizione un plafond di 30 milioni per un totale di 1500 erogazioni. Tutte le info utili si trovano nella scheda prodotto del programma di microcredito ENM-BCC, scaricabile dal sito Micro-Work e dalla piattaforma e che da oggi potrà essere promossa anche dagli Sportelli informativi sul microcredito e l’autoimpiego attivati dal progetto Micro-Work nelle due Regioni nei confronti dei propri utenti.I soggetti beneficiari sono, tra gli altri, lavoratori autonomi (sia i professionisti iscritti agli ordini sia i non iscritti) imprese individuali titolari di partita IVA da non più di 5 anni e con massimo cinque dipendenti; società di persone, società tra professionisti, srl semplificate, società cooperative titolari di partita IVA da non più di 5 anni e con massimo dieci dipendenti. Come funziona: il cliente effettua la prenotazione al Fondo di garanzia delle PMI utilizzando l'apposita procedura online disponibile sul sitohttp://www.fondidigaranzia.it/microcredito.html. Con il codice di prenotazione della garanzia, che ha valenza di cinque giorni lavorativi, deve poi recarsi presso uno sportello della BCC di Roma per la richiesta del finanziamento e la conferma della prenotazione (la prenotazione conserva la sua validità per i 60 giorni successivi a partire dalla data della conferma). L'operatore dello sportello effettua i controlli relativi alle caratteristiche del soggetto richiedente ed alle finalità del finanziamento. In caso di esito positivo, l'operatore provvede ad accedere al portale dedicato dell'Ente Nazionale per il Microcredito per inserire la richiesta di tutoraggio. E…

 

In allegato la scheda prodotto del programma di microcredito ENM-BCC

L’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” organizza un master in Master Finanza Etica e Microcredito. L’obiettivo del Master è fornire ai partecipanti strumenti di conoscenza, di management, organizzativi ed operativi della finanza etica e del microcredito, oltre che di visione di gestione dei servizi, per operare efficacemente nell’ambito della microfinanza e del microcredito. Il corso di Master è rivolto a soggetti interessati a sviluppare una concreta professionalità nelle istituzioni e nelle imprese nel campo della finanza etica e del microcredito.

Iscrizioni aperte fino al 30 gennaio 2016

 

http://www.uniroma1.it/didattica/master/2015/finanza-etica-e-microcredito

L’Ente Nazionale per il Microcredito  in collaborazione col Mibact ha realizzato l’intervento “Azioni di sensibilizzazione di stakeholders, attori istituzionali ed economici di filiera turistica delle Regioni Convergenza attraverso la promozione e diffusione della conoscenza degli strumenti di microcredito e di microfinanza” nell’ambito del Programma Operativo Interregionale (FESR) 2007–2013 “Attrattori culturali, naturali e turismo”, Asse II.

Obiettivo dell’intervento è stato quello di realizzare, attraverso seminari territoriali e la diffusione di materiale informativo, azioni di sensibilizzazione in materia di microcredito e microfinanza destinate ad attori istituzionali (amministratori regionali, provinciali e comunali, enti pubblici competenti in materia turistica, camere di commercio, ecc.) e non istituzionali (imprese, associazioni imprenditoriali, fondazioni, banche e intermediari finanziari, enti non-profit, enti privati, Università, ecc.) della filiera turistica delle regioni Calabria, Campania, Puglia e Sicilia.

Sono state realizzate due brochure

"Il microcredito per lo sviluppo delle microimprese turistiche nelle regioni Calabria, Campania, Puglia, Sicilia"

"La programmazione europea 2014 – 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel mezzogiorno"

e cinque pillole informative:

"Le microimprese nel sistema turistico del Mezzogiorno"

 "Microcredito e microimprese turistiche nel Mezzogiorno"

 "Garanzia pubblica per le microimprese turistiche del Sud"

 "I servizi di assistenza e monitoraggio per il microcredito"

 "I Fondi UE per le microimprese  turistiche del Mezzogiorno"

 

Domani martedì 15 dicembre a Roma presso la Sala Conferenze Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza Forense saranno presentati i risultati del Progetto Ue sviluppato dall’Ente Nazionale per il Microcredito

ENM promuove 173 sportelli per il lavoro autonomo e la microimpresa in aiuto dei giovani. 1456 utenti orientati all’autoimpiego nelle regioni italiane dalla nuova ‘retemicrocredito’

Tra gli utenti i giovani di età tra i 18 e i 24 anni. 350 operatori specializzati in consulenza e un sistema informativo a servizio dei cittadini che vogliono avviare un’attività micro-imprenditoriale

 

Sono 173 gli Sportelli informativi in linea con gli ultimi sviluppi normativi sull’autoimpiego e lavoro autonomo creati dall’Ente Nazionale per il Microcredito. 1456 gli utenti orientati al lavoro autonomo nelle regioni italiane. 117 le amministrazioni coinvolte tra Comuni, Centri per l’impiego, Camere di commercio e Università”. Sono alcuni dei numeri resi noti dal Progetto Ue “Micro-Work” sviluppato dall’Ente Nazionale per il Microcredito, che domani pomeriggio presso la Sala Conferenze Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza Forense in via Gioacchino Belli 3 concluderà i lavori del Progetto nel corso dell’evento finale dove saranno presentati i risultati su microcredito e occupazione nelle varie regioni. Il convegno dal titolo "Retemicrocredito per le microimprese e il lavoro autonomo: risultati e prospettive" si svolgerà dalle ore 15 alle 18.30. “L’Ente restituisce al Paese una rete di 173 Sportelli (con i suoi 350 operatori, tutti dipendenti pubblici) e un sistema informativo, la piattaforma retemicrocredito, in grado di fornire puntuale informazione ai cittadini che vogliono avviare un’attività micro-imprenditoriale”- spiega il presidente dell’Ente Nazionale per il Microcredito, Mario Baccini.

Interverrano Mario Baccini, presidente ENM, Francesco Verbaro, coordinatore "Micro-Work", Marianna D’Angelo, Dirigente Div. II DG PASLF, Ministero del lavoro e delle politiche sociali. Seguira' la Tavola rotonda “Il microcredito per la crescita e lo sviluppo del territorio e dell’occupazione”. Parteciperanno: Gianni Bocchieri, Direttore generale Istruzione, formazione e lavoro, Regione Lombardia; Mario Luigi Rainone, Delegato del Rettore per il Placement, Università "G. d'Annunzio" di Chieti-Pescara; Andrea Limone, AD PerMicro; Claudio Lucarini, Roma Capitale; Donatella Romeo, Segretario Generale CCIAA di Crotone; Mauro Tringali, Coordinatore di Gestione Italia Lavoro; Domenico Buonocunto, Direzione Marketing e Commerciale BCC di Roma; Paolo Stern, Consiglio Nazionale dell'Ordine dei Consulenti del Lavoro; Tiziano Barone, Direttore Generale Veneto Lavoro; Esperto Team Assistenza del Fondo centrale di Garanzia per le PMI. A concludere sarà Riccardo Graziano, Segretario generale ENM. 

Tra gli utenti anche i giovanissimi: dai 18 ai 24 anni. Le fasce di età più ricorrenti sono quella dei 35-49enni e dei 25-34enni. Ed il dato è globale poiché la rete di sportelli copre ormai tutte le regioni italiane. Intanto l’ENM- annuncia Baccini- ha siglato per il Lazio e per la provincia dell’Aquila un accordo con la BCC Roma per 30 milioni. Questo accordo consentirà alla banca  di erogare microcrediti ai beneficiari residenti in queste regioni con le garanzie del Fondo centrale di Garanzia e la collaborazione di ENM per l’offerta dei necessari “servizi ausiliari. “È il frutto di una vasta azione di sensibilizzazione del sistema bancario svolta dall’Ente- conclude il presidente- per aumentare l’offerta di microcredito sul territorio attraverso il sistema creato dal Fondo di Garanzia per le PMI sezione speciale Microcredito. Altri accordi sono in corso in diverse regioni, sud e nord senza differenza. Allearsi per competere, questa la finalità dell’Ente, avviando ancora intese utili con istituti bancari, dove il microcredito sia strumento sempre a servizio dei più deboli”.

 

Programma

ROMA - Il microcredito spinge la food economy: in Italia, nel 2013, le donne ne hanno assorbito il 47,5%, i giovani solo il 17% e gli immigrati il 40% circa.
Analogamente, in termini di ammontare concesso sul totale dei rispondenti, il 42,8% è stato distribuito a donne, il 17% a giovani ed il 21,4% ad immigrati. Lo ha detto Mario Baccini, presidente del'Ente nazionale per il Microcredito (Enm), intervenuto a Taste of Excellence, una tre giorni ideata da Pietro Ciccoti che ha messo a confronto economisti, chef, trendsetter, produttori artigiani, viticoltori, operatori dell'agroalimentare.

 

Leggi tutto

Il 12 e il 13 ottobre si è svolto a Roma presso la sede dell’Ente il primo kick-off meeting del progetto M.I.C.R.O. Migrants Ideas Converted into Real Opportunities. Il via ufficiale segna l’inizio di un percorso che vedrà l’Ente Nazionale per il Microcredito impegnato, come coordinatore, nella realizzazione di una rete a supporto dell’imprenditoria dei migranti.

 Ai lavori hanno partecipato Il presidente dell'Ente Nazionale per il Microcredito Mario Baccini e i delegati delle associazioni partners provenienti da:

-Spagna (Nantik Lum, fondazione per il Microcredito e Accion contra el Hambre, ong)

-Germania (Wisamar Bildungsgesellschaft, ong)

-Belgio (Mediter - Réseau Euro-Méditerranéen pour la Coopération a.i.s.b.l.)

-Italia (Ce.S.F.Or, istituto di formazione).

Il progetto, finanziato dal programma europeo Erasmus+, ha come obiettivo principale la formazione professionale di migranti imprenditori ed operatori di microcredito e ong. "La formazione continua e specialistica insieme alla educazione finanziaria - ha dichiarato Mario Baccini, presidente ENM - sono un tema di sviluppo fondamentale per il nostro Paese. L'accesso ai fondi comunitari e la pertnership con Paesi membri che vivono i flussi migratori come un problema di welfare, divengono un punto di forza per il sistema Paese.  La realizzazione di piattaforme che possano essere utili alla educazione finanziaria e, nello specifico alla formazione di operatori di ong che operino a sostegno della microfinanza nel settore immigrazione, è fondamentale allo sviluppo economico del Paese e contribuiscono alla sicurezza nazionale e comunitaria in un quadro geopolitico sempre in movimento".

Il percorso creato, attraverso una serie di attività che dureranno fino a novembre 2017, vuole rappresentare una risposta, puntuale e fattiva, alle sfide imposte dalle società europee sempre più multiculturali; ma soprattutto vuole essere una risposta alle esigenze espresse da un settore - imprenditoria dei migranti - in continua crescita ed espansione, che va protetto, sostenuto ed incentivato.