(+39) 06.86.95.6900 info@microcredito.gov.it

News

Si richiama l’attenzione sull’invito a manifestare interesse per il bando recentemente pubblicato dalla Banca Europea degli Investimenti (BEI), finalizzato ad identificare e selezionare trenta fornitori europei di microcredito che potranno beneficiare dell’assistenza tecnica fornita attraverso il programma Employment and Social Innovation (EaSI), precedentemente denominato Joint Action to Support Microfinance Institutions (JASMINE).

L’invito ha scadenza prevista per il 31 maggio 2015 ed è reperibile sul sito della Banca Europea degli Investimenti (BEI) al link: http://www.eib.org./products/lending/microfinance/non-financial-instruments/index.htm (Launch of Call for Expression of Interest)

 

Si ritiene particolarmente importante che i fornitori italiani di microcredito (siano essi istituzioni di microfinanza, intermediari o strutture bancarie) rispondano a tale invito, candidandosi a partecipare alle attività promosse dalla Commissione Europea, finalizzate a rafforzare le competenze tecniche degli stessi operatori di microcredito.

Il rafforzamento continuo delle competenze è una priorità del settore microfinanziario italiano, anche in considerazione della recente normativa sul microcredito che, oltre ad istituire un elenco di operatori dedicati, rende obbligatori i servizi ausiliari di assistenza e monitoraggio dei soggetti finanziati. 

L’assistenza che l’Europa intende fornire trova complementarità nella azione di Capacity Building e assistenza tecnica realizzata negli ultimi anni dall’Ente Nazionale per il Microcredito a favore della pubblica amministrazione, degli operatori di microcredito e degli stakeholders.   

Con l’occasione si fornisce ulteriore informazione rispetto all’approvazione del Decreto di modifica del Decreto Ministeriale del 24 dicembre 2014, in attuazione del Decreto Legge del 6 dicembre 2011 n°201, art. 39 comma 7-bis, che prevede che una quota delle disponibilità finanziarie del Fondo Centrale di Garanzia a favore delle piccole e medie imprese, sia riservata ad interventi di garanzia in favore del microcredito di cui all’articolo 111 del Testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia.

Sono possibili inoltre operazioni realizzate a valere su sezioni speciali del fondo, incrementate da soggetti pubblici e privati e istituzioni nazionali ed europee, attraverso convezioni realizzate dall’Ente Nazionale per il Microcredito.

Per ulteriori informazioni, è possibile contattare i nostri uffici al n. 06 45541300 (Ufficio Monitoraggio).

Distinti saluti                                                                                                

Mario Baccini

Visualizza la comunicazione ufficiale

(ilVelino/AGV NEWS) Roma, 30 GIU - Prendera' vita domani 1 luglio 2015 dalle Ore 9.00 alle 13.30 in Campidoglio, nella Sala della Protomoteca il Forum della Microfinanza organizzato dall'Ente Nazionale per il Microcredito. "Questo forum- spiega Mario Baccini, presidente dell'Enm  riunisce la migliore intellighenzia del Paese sui temi affrontati da Expo per trovare una sinergia di sistema con lo strumento del microcredito e con i prodotti finanziari da esso derivanti. Il microcredito e' lo strumento che le nazioni unite hanno identificato quale utile al lotta alla poverta' e all'esclusione sociale e finanziaria.

Leggi tutto

 

Prenderà vita domani 1 luglio 2015 dalle Ore 9.00 alle 13.30 in Campidoglio, nella Sala della Protomoteca il Forum della Microfinanza organizzato dall’Ente Nazionale per il Microcredito. “Questo forum – spiega Mario Baccini, presidente dell’ENM  - riunisce la migliore intellighenzia del Paese sui temi affrontati da Expo per trovare una sinergia di sistema con lo strumento del microcredito e con i prodotti finanziari da esso derivanti. Il microcredito è lo strumento che le nazioni unite hanno identificato quale utile al lotta alla povertà e all'esclusione sociale e finanziaria. 

Programma

(9Colonne) Roma, 20 mag - Un partenariato per promuovere iniziative di sostegno a imprenditori e microimprenditori italiani interessati al mercato della Turchia stato siglato da Mario Baccini, presidente ENM, Riccardo Graziano, segretario generale del'ENM e Enver Yucel presidente di BAU. L'Italia il secondo maggiore Paese fornitore e il quarto maggiore cliente Ue della Turchia, con pi di 1000 aziende nazionali sul territorio turco che contribuiscono al fenomeno buy-back (rapporto Ice 2012), particolarmente nel settore tessile, abbigliamento, macchinari e veicoli. 

La cooperazione tra l'ENM e BAU verrà approfondita attraverso: lo scambio di dati, informazioni e opportunità disponibili nelle rispettive aree di azione; visite bilaterali, seminari, conferenze e incontri con clienti, partner, investitori, istituzioni finanziarie, associazioni di categoria e organizzazioni politiche nazionali, internazionali e regionali; programmi di formazione che prevedono l'inserimento dei partecipanti nel mondo del lavoro nel modo più concreto possibile, ossia favorendo la creazione di impresa con l'accesso a linee di credito agevolato. In questo contesto si segnala il Master in Business Administration delle 2 Rome che si svolgertra Roma e Istanbul e edicato all'esportazione del brand "Made in Italy" nelle economie emergenti del ricco mondo turcofono, che si estende dalla Turchia fino alla Siberia estrema e che, dal punto di vista storico e geopolitico, tocca anche il Kazakhstan e l'Asia Centrale. E l'evento Fast-Track che si svolgeril 9 giugno presso BAU Roma, durante il quale 10 progetti start-up digitali riceveranno un grant di 15.000euro e l'accesso al programma di accelerazione BAU Startupbootcamp che si svolgera Istanbul.

Presentazione dei nuovi Sportelli per l’autoimpiego dell’Ente Nazionale per il Microcredito nei Comuni di Genazzano e Olevano Romano. Presidente ENM Baccini: “Favoriranno l’occupazione per i non bancabili con il supporto della retemicrocredito".

 

L’Ente Nazionale per il Microcredito attiva i nuovi Sportelli per il Microcredito e l’autoimpiego a servizio dei non bancabili anche nelle regioni del centro Italia. Saranno presentati sabato 23 maggio p.v. alle ore 17.30, presso il meraviglioso Castello Colonna di Genazzano, gli sportelli per il microcredito in imminente apertura nei comuni di Genazzano e Olevano Romano.

“L’Ente Nazionale per il Microcredito- sottolinea il presidente dell’ENMMario Baccini- presenterà gli sportelli per il microcredito e l’autoimpoiego, in prossima attivazione nei due importanti Comuni di Genazzano e Olevano, che agiranno, con il supporto della innovativa piattaforma di servizio “retemicrocredito” appositamente costruita dall’Ente, a sostegno dei non bancabili”.

Insieme al presidente dell’ENM, saranno presenti il Sindaco di Genazzano, Fabio Ascenzi, il Sindaco di Olevano, Marco Mampieri, il Segretario Generale EMM, Riccardo Graziano, il Coordinatore del Progetto Micro-Work, Francesco Verbaro, il Responsabile della Segreteria del Progetto, Roberto Marta. 

 “Attraverso “Micro-Work: fare rete per il microcredito e l’occupazione”, il nuovo Progetto Ue messo in campo dall’’ENM- spiega Baccini- l’Ente persegue la sua mission in aiuto dei più deboli creando un’innovativa rete pubblico-privata per l’utente del microcredito, una rete indispensabile a beneficio del cittadino disorientato. Già attraverso il precedente Progetto ‘Microcredito e Servizi per il Lavoro’, che ha realizzato i servizi di accompagnamento nelle regioni del sud tra il 2013 e il 2014- continua- oltre 1000 cittadini non bancabili sono stati orientati al microcredito dai 120 operatori specializzatisi in consulenza, con il supporto della “retemicrocredito” e dei sevizi informativi disponibili sul nostro sito www.microcredito.gov.it”. 

“È sulla base del successo ottenuto nella passata azione di sistema- spiega il coordinatore di “Micro-Work”, Francesco Verbaro, che Ministero del Lavoro ed Ente hanno deciso di rafforzare l’intenso percorso avviato che conferma il suo successo considerato il boom di adesioni pervenute alla manifestazione di interesse lanciata dall’Ente e rivolta ad enti e amministrazioni delle regioni italiane”.

“Per mezzo dei Progetti sviluppati dall’ENM- dichiara il segretario generale ENM Riccardo Graziano- grandi scommesse sono state vinte nelle direzione di una finanza inclusiva e i numeri parlano chiaro. Con lo strumento microcredito- specifica- siamo riusciti a creare in Italia 20mila posti di lavoro con 20 milioni di investimento. Questo a dimostrazione del fatto che, se ben attuato, il microcredito diviene veicolo prezioso per l’occupazione”. 

Programma

 

Il 20 Maggio dalle h. 10 alle 11, presso la Sala Stampa della Camera dei Deputati in Via della Missione 4, il presidente Enver Yücel e il presidente Mario Baccini annunciano il partenariato di Bahçeşehir University con l'Ente Nazionale per il Microcredito.

 

Si illustreranno le finalità di questa collaborazione, che prevede iniziative e programmi a sostegno di capacità e progetti imprenditoriali che si auspica possano essere di grande impatto sociale per il futuro economico di Italia e Turchia. Verrà altresì presentato l’MBA 2Romes, un Master innovativo in partenza a settembre 2015, dedicato agli imprenditori interessati alle eccellenze del “Made in Italy” e al mercato euroasiatico, che si svolgerà tra Roma e Istanbul, le due capitali dell’Impero Romano che per secoli hanno plasmato la cultura globale.

 

Mario Baccini, Presidente dell'Ente Nazionale Microcredito e Mr. Enver Yucel Preside della BAU University della Turchia, hanno firmato un protocollo di intesa tra l'Ente Nazionale del Microcredito e l'Università.

Nelle foto Mr. Enver Yucel Preside BAU University della Turchia, Mario Baccini presidente ENM e Riccardo Graziano Segretario Enm.

Viterbo - La Casa dell’agricoltura di Viterbo ha ospitato il 13 aprile un incontro rivolto alle aziende agricole interessate al tema del microcredito in agricoltura. Presente Alessandra Terrosi, membro della commissione Agricoltura alla Camera dei deputati.

 

“Vedo come importante opportunità, lo strumento del microcredito per il settore dell’agricoltura sociale, uno strumento tradizionalmente rivolto a piccole e medie imprese non agricole - ha detto Alessandra Terrosi -. Se teniamo conto che la maggior parte delle aziende agricole sono piccole imprese, comprendiamo bene come questa via di accesso al credito possa rappresentare in molti casi un aiuto concreto per la sopravvivenza delle stesse. In un contesto in linea con le richieste di innovazione,l’agricoltura sociale esce dai canoni tradizionali, rivolti a privilegiare l’aspetto produttivo e si rinnova in ottica solidaristica e di inclusione sociale dei soggetti più disagiati”. Ha poi illustrato la situazione della legge sull’agricoltura sociale che, già approvata alla Camera, è in discussione in commissione agricoltura al Senato e per la quale si prevedono tempi brevi per l’approvazione definitiva. Inoltre, continua Alessandra Terrosi, “il progetto la buona terra, acquisisce una importanza ancora maggiore perché verrà attuato all’interno di un biodistretto, quello della Via Amerina e delle Forre, in quanto la natura stessa del biodistretto, si sostanzia di una collaborazione tra tutte le forze produttive in senso ampio (agricoltori, trasformatori, consumatori, amministrazione locali, ecc) che insieme lavorano per rendere concreto e perseguibile un nuovo modello di sviluppo, in cui privilegiare l’inclusione sociale”.