(+39) 06.86.95.6900 info@microcredito.gov.it

Banche, ieri ascoltato in bicamerale Semplificazione Ente Microcredito

Banche, ieri ascoltato in bicamerale Semplificazione Ente Microcredito Roma, 21 set. (LaPresse) -

La commissione per la Semplificazione ha audito il presidente dell'Ente nazionale per il microcredito, Mario Baccini, nel quadro dell'indagine conoscitiva sulla semplificazione e sulla trasparenza nei rapporti con gli utenti nei comparti finanziario, bancario e assicurativo. "La trasparenza è un valore in tutte le relazioni: tra le persone, tra le imprese, tra le istituzioni, tra i privati ed i poteri pubblici. Nei rapporti economici, la trasparenza verso il cliente costituisce un fattore di successo per qualsiasi impresa ed è cruciale per le banche e gli intermediari, perché alimenta quella fiducia che è il fondamento stesso dell'attività bancaria e finanziaria", ha dichiarato Baccini che ha aggiunto: "In particolare, la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari - e quindi la correttezza delle relazioni tra intermediari e clientela - è condizione indispensabile per assicurare ai clienti stessi un'informazione chiara ed esauriente, che agevoli la comprensione delle caratteristiche, dei rischi e dei costi dei prodotti finanziari offerti e ne consenta la facile confrontabilità con altre offerte.

Non si può ridurre tutto a un mero adempimento di obblighi normativi, è opportuno anche adottare particolari disposizioni a tutela dei clienti più deboli che possono individuarsi, ad esempio, nei consumatori, negli artigiani, nei lavoratori autonomi, nei microimprenditori: tutti soggetti che si caratterizzano generalmente per la piccola dimensione e per una scarsa competenza in materia finanziaria".

"Queste fasce 'più deboli' - conclude Baccini - sono i clienti del microcredito. Grazie all'intervento dell'Ente, che si sostanzia nel monitoraggio del bisogno, nell'individuazione dei possibili beneficiari, nell'accompagnamento fino al finanziamento e al successivo tutoraggio, è evidente che il costo sociale si trasforma in nuove opportunità con persone che diventano nuovi contribuenti, consumatori, clienti per il sistema bancario e soprattutto nuovi imprenditori e cittadini che in molti casi vengono sottratti ai circuiti della criminalità e dell'usura".