Dire Sociale, lunedì 22 maggio 2017

CARCERI. ENM: 35MILA EURO A DETENUTI PER FARE IMPRESA A FINE PENA BACCINI: STATO FARÀ DA GARANTE CON SISTEMA BANCARIO

Microcredito fino a 35mila euro ai detenuti giunti a fine pena per avviare un'impresa fuori dal carcere, reintegrarsi nella societa' e soprattutto evitare di ricadere nella criminalita'. Una misura a cui sta lavorando l'Ente nazionale per il Microcredito assieme al Governo, come ha spiegato oggi il presidente Mario Baccini, durante un convegno al Consiglio regionale del Lazio dedicato al tema del reinserimento dei detenuti, a cui ha partecipato anche il sottosegretario alla Giustizia, Cosimo Maria Ferri.

 


 

"Vorremmo identificare all'interno degli istituti di detenzione tutte quelle persone che in scadenza di pena siano in grado di fare i micro-imprenditori e, tramite lo Stato, intervenire per fargli fare un'impresa- ha detto Baccini- Questo significa che lo Stato puo' fornire, attraverso il Fondo nazionale di garanzia, le garanzie al sistema bancario e, con un sistema di tutoraggio, accompagnarli fino al finanziamento che puo' essere da 25 a 35mila euro per realizzare un'azienda. Questo significa risolvere il problema dell'integrazione, dell'inserimento e non far cadere queste persone nella recidivita'. Stiamo parlando con il sottosegretario Ferri- ha detto- e stiamo finalizzando un accordo da trasferire in tutte le carceri. Una misura che potrebbe interessare potenzialmente tutti, anche se non tutti sono in grado di fare impresa. Bisogna dunque fare un monitoraggio, uno studio e la formazione necessaria. Si pensi che se di 56mila detenuti solo il 10% fosse in grado di intraprendere una micro-impresa, sarebbe un grande successo". (Fla/ Dire) 19:08 22-05-17 NNNN